E sono 7 anni insieme!

March-S1-4.jpg

7 anni. Sono oramai trascorsi sette anni da quel pomeriggio in cui, seduti sullo scalino del portone al numero 3 di via Isola delle Stinche, Firenze, Italia un ragazzo dai capelli corti, jeans strappati, giacca di pelle nera e all star rosse diede in mano un mazzo di chiavi legate da un nastro di cotone bianco (avversione di Julien per i porta chiavi) ad una ragazza dai capelli castani che chissenefrega come era vestita, lei era solo triste perché stava per partire. L'ennesimo arrivederci, senza sapere quando si sarebbero rincontrati. E invece poi...ecco come ando'. Buon Anniversario J, you are my sun!

Quel ragazzo dai capelli corti e i jeans strappati mise in mano quel mazzo di chiavi alla ragazza castana e poi disse : "Tieni, non si puo' abitare qui se non si ha una casa". Quella ragazza infatti abitava altrove, lontano, perché ad abitare nella città dei suoi sogni, che poi era quella in cui geograficamente si trovava la casa di cui ora, grazie a quella conversazione in Via Isola delle Stinche, possedeva le chiavi, ci aveva provato, ma la vita le aveva insegnato che a volte bisogna fare un passo indietro per farne cento in avanti. La ragazza aveva ascoltato gli insegnamenti della vita e le aveva obbedito. La vita aveva avuto ragione.

Quel ragazzo sapeva. Sapeva la buona, alta, profonda dose di follia instaurata nella colonna vertebrale di quella ragazza. Le mise in mano le chiavi, che in quel momento significavano non solo l'apertura di una serratura, bensi' una seconda chance e l'effettiva possibilità di poter costruire qualcosa insieme. Non si sapeva ancora cosa, ma si sapeva come. In grande.

Cosi', gnegnegne gnegnegne, la ragazza é partita. Con un bel mazzo di chiavi con una stringa di cotone bianco tra le mani. Esattamente poco più di 30 giorni dopo, quelle chiavi, all'insaputa del ragazzo con le all star rosse, furono inserite nella serratura di una casa all'ottavo percepito come millesimo piano di un appartamento arroccato sui tetti fiorentini, con l'intento, ovviamente, di aprirla. La porta si apri'. La ragazza poso' sul pavimento la sua gigantesca valigia accusata dal turista che la aveva aiutata a farla salire sul treno di contenere mattoni in cemento armato.  Il ragazzo con le all star rosse non era in casa. Ma la ragazza lo sapeva. Era questo il bello. La ragazza gli aveva fatto una sorpresa. Quando lei si reco' esattamente dove lui si trovava e lo prese alla provvista, lui dall'emozione getto' nel cestino il suo paio di occhiali da sole più bello. Che non ritrovo' più. Quella sera, tornarono a casa insieme, mano nella mano. E non si lasciarono mai più.

Sette anni esatti sono trascorsi da quel post pranzo su quello scalino del portone del numero 3 di via Isola delle Stinche. Ed io, se possibile, sono ogni giorno più contenta di aver accettato quel mazzo di chiavi. Grazie di esistere J, grazie per la tua barba lunga che ha ancora lo stesso profumo del primo giorno, grazie per esserci sempre, in qualsiasi momento, e comunque, grazie per il caffé la mattina e per il pollo al caramello, grazie per aver fatto della mia vita una splendida musica (a volte classica, a volte jazz, a volte rock'nd'roll, ma sempre con un gran groove), grazie perché sei uno che non ha paura e che ama il rischio, grazie perché ancora oggi per scegliere una pizza ci impieghi mezz'ora e poi la finisci in 3 minuti e 27 secondi, grazie perché continui a mettere i pantaloni rossi, grazie perché con te nulla é impossibile, grazie perché hai ancora le stesse all star rosse e la stessa giacca di pelle nera. Grazie perché quelle all star rosse mi hai dato modo di comprarle più e più volte, ai nostri figli. Grazie perché sei Babbo J, e che Babbo J.

La vita con te é magia. E tu continui a scoppiarmi dentro al cuore come il primo giorno.

Love you to the moon and back.

M.

Questa é la foto di noi che più preferisco in assoluto, che ci rappresenta parecchio. Perché é quella che ci é stata scattata esattamente 24 ore dopo aver scoperto che saremmo diventati in tre. E perché abbiamo in mano un gelato. Soprattutto per il gelato. Love.