Hello September!

IMG_9815.jpg

Benvenuto Settembre! E siamo finalmente approdati al mese numero 9, che quando lascerà spazio al 10, noi saremo diventati 4 (la matematica é un'opinione). Abbiamo deciso di festeggiarlo  cosi', tra caffé del'900, mercati di fiori e merende metà selvagge metà mozzafiato. L'inizio del mese più esaltante che sia, il mese di Lietta.

Bene, ora mi piacerebbe raccontare la maniera fantasticamente fantastica in cui é cominciata la nostra giornata. Ma purtroppo, non é stato proprio cosi'. Dopo aver trascorso una notte turbolenta a causa dei nostri vicini che vivono su un fuso orario tutto loro e che adorano far saltare il loro bimbo in piena notte sul parquet un po' come Peppa Pig nelle pozzanghere, ci siamo svegliati parecchio arrabbiati, e per recuperare un po' di sana positività abbiamo deciso di uscire di casa il più velocemente possibile, rimanendo focalizzati sul cristiano principio del perdono e della comprensione. Bene, nel bel mezzo della nostra pacifica ed altruista meditazione, un altro evento ci ha riscaraventato nel girone dei furiosi. Pum! L'autista del pullmann ci ha chiuso malignissimamente la porta dell'autobus davanti al naso dicendoci che non potevamo salire perché non c'era posto per il passeggino. Ripeto, una brutta strega (donna per di più, ma non sono sessista), sicuramente cattivissima, di quelle che neanche una valanga di brioches alla nutella addolcirebbe, ha lasciato a piedi una donna incinta di 9 mesi e un passeggino con un bimbo di 18 mesi per la sola e unica ragione dello spazio, peraltro facilmente risolvibile piegando il passeggino, cosa che non saremmo stati disposti a fare pur di non aspettare l'autobus seguente, previsto ben 24 minuti dopo! Tutto sotto lo sconcerto della gente presente, ammutolita. Benissimo, mia carissima autista, pensavi di farmi arrabbiare o di rovinarci la mattinata? No, mia meravigliosa autista, non c'é problema, io arrivero' comunque a destinazione con la sola forza delle gambe, e a te auguro di doverti sfamare con le caramelle al cerume di Harry Potter per il resto della tua vita. Toh! In ogni caso, noi, per riprenderci, abbiamo dovuto obbligatoriamente andarci a mangiare una brioche, e per l'occasione abbiamo scelto un posto d'eccezione.

Colazione al banco al caffé Gilli, uno dei locali storici fiorentini. E cosi' abbiamo ricominciato a ragionare.

Bene, una volta riprese le forze grazie ad un ottimo bombolone alla marmellata e ad una sfoglia alla crema, e dato quindi il benvenuto al nostro necessario tasso glicemico anche per il mese di settembre, ci siamo diretti verso quella che era la nostra primaria destinazione. Il mercato dei fiori e delle piante di Piazza della Repubblica del giovedi'.

Sarà perché nel mio corpo c'é un elevato tasso di ormoni femminili (da moltiplicare per due), ma ultimamente amo i fiori. Non mi sono mai piaciuti, non me ne sono mai troppo interessata, eppure ora non solo amo guardarli, ma pure averli in casa. La gravidanza é una faccenda strana (qui avevo parlato di quella avuta con Teo). Stesso discorso per il rosa. Mai avrei pensato che nella vita avrei potuto avere una gonna rosa, delle scarpe rosa, una maglietta rosa, perfino il mio spazzolino da denti é rosa, eppure é accaduto. Quando ho poi voglia di comprare fiori rosa, non mi riconosco più. Ma, rassicuro tutti, non l'ho fatto. Ho solo preso dei girasoli, che tanto mi fanno pensare alla mia bimba. Quelli mi sono sempre piaciuti. :-) Mi ricordano la campagna toscana, ed in particolare il cascinale del film "Il ciclone", che noi, come ho già raccontato più volte (ad esempio qui) abbiamo visto talmente spesso, ma talmente spesso che <<Icche ce l'hai un gratta e vinci te??>> per noi non é una battuta di un film ma uno stile di vita, un po' come "dare il ramato" o "Addio Nini", ufficilmente capolista delle battute maggiormente ripetute nelle nostre quattro mura domestiche.

La coppia che spacca!

Dopo una mattinata ravvivata giusto dal giallo dei girasoli e da un buon caffé ( e per fortuna! una stanchezza! delle occhiaie! ), abbiamo considerato che ci mancava il giusto tocco di vita per dare il meritato benvenuto a questo nuovo e tanto atteso mese, e cosi', noi, la merenda siamo andati a farla al Piazzale. Olé! L'intento era mangiare tutti i gelati di tutti gli stand dell'intero Firenze Gelato Festival (previsto a Piazzale Michelangelo fino alla fine di questo weekend), annegando negli zuccheri tutte le nostre pene della mattina, ma una volta arrivati (sempre in autobus, questa volta non ci hanno lasciati a terra) ci siamo ricordati che durante la nostra assenza (si perché eravamo dai nonni fino a poco tempo fa, e ne avevo approfittato per osannare la mia città natale qui) il Piazzale si era dato un tocco jungle con l'apertura di un chiringuito tanto tanto carino e con tante tante palme, e allora abbiamo deciso di ridurre il tasso previsto di zuccheri da immettere nel nostro corpo (ridurre, non eliminare, un gelato l'abbiamo mangiato comunque) a favore di una pausa su divanetti e cuscini come piacciono a noi. Grazie Piazzale per aver ridato colore alla nostra giornata!

Il proprietario ci ha confermato che questo triciclo ha ben 35 anni! Incredibile! Questo ha comportato che una valanga di bambini con intenti disparati non siano mai riusciti a romperlo. Applausi al triciclo, e ai produttori di giocattoli di una volta!

Pur abitando a veramente pochi minuti di autobus da questa meraviglia (più i minuti in cui l'autobus lo si aspetta, ma questo é un dettaglio), non ci veniamo abbastanza spesso. Questo posto é magico. O meglio, magico lo é ancor di più cio' che ci permette di vedere. Potrei stare qui per ore ed ore. Guardando questo spettacolo, ci siamo quasi dimenticati dei nostri vicini e dell'autista.

Ufficialmente superate le 36 settimane e ancora non sentirle. Grazie Lietta. Alla facciaccia dell'autista. Toh!

Benvenuto Settembre. Perché anche se i nostri vicini non cambieranno, anche se al reparto risorse umane dell'azienda di trasporti di Firenze a volte prendono delle pessime decisioni, anche se dovessero finire tutte le brioches alla marmellata della Toscana, e anche se non commercializzassero più vestiti rosa e tanto meno a fiori, noi ti vogliamo tanto bene, perché ci farai stringere forte la nostra Lietta. Love.

Our Dolce Vita adresses :

  • Caffé Gilli - Piazza della Repubblica 39/r, 50123, Firenze - Sito Web
  • Mercato delle piante e dei fiori di Piazza della Repubblica - ogni giovedi', dalle 10 alle 19 - sotto i portici in via Pellicceria
  • Flower - Piazzale Michelangelo, 50125, Firenze - Pagina Facebook
life, 31-60Like Miljian6 Comments