Indiana Teo alla ricerca dei leoni - Un pomeriggio allo zoo

IMG_2957_edited.jpg

Teo parla. Eccome se parla. Ma no, né in italiano né in francese, contrariamente a quello che ci si poteva aspettare. Teo parla leoniano. Insomma, ad ogni domanda, ad ogni affermazione, per ogni richiesta, Teo ruggisce. Teo é un leone. E quindi noi l'abbiamo portato ad incontrare i suoi simili.

Riconosce i suoi simili anche quando sono di pietra. Li indica e, ovviamente, ruggisce

Non si sa se questa passione nasce dal fatto che il suo babbo gli ha regalato un pupazzo del Re Leone (che peraltro era il suo quando era piccino), se é conseguente al nostro morboso attaccamento al palinsesto Disney Channel (nella variante Disney Channel +1 in caso di necessità), ed in particolare per "The Lion Guard", oppure se semplicemente tutto parte dal fatto che il ruggito é il verso che gli viene meglio, fatto sta che basta stare con lui per una decina di minuti per comprendere che ruggire é diventato ufficialmente il suo strumento di comunicazione preferito.

Data la sua intensa passione per i leoni, che poi si estende a tutti gli animali quando ha voglia di far esistere tutte le altre specie, il weekend scorso abbiamo approfittato del nostro soggiorno dai nonni per andare a visitare uno dei parchi faunistici più carini che ci siano, ben 126.000 mq di verde a nostra intera disposizione in un caldo sabato pomeriggio bergamasco.

Considerando che si é addormentato in macchina durante il tragitto, la partenza é stata un po' "rallentata". Gli ci é voluto qualche minuto (alias un quarto d'ora) prima di capire dove era. In compenso noi, bambini travestiti da adulti, abbiamo saltellato da un animale all'altro fin dal primo minuto. Non saremo forse andati al parco più per noi over 18 che per gli under 90 cm appassionati di Disney Channel? Su Babbo J e sullo zio Nic il dubbio non é cosi' immotivato. 

Non sono l'unica a fare bimbe femmine! Un sacco di fiocchi rosa sulle ringhiere delle case degli animali! 

Ma non avevamo detto "Niente macchina fino ai 18 anni??"

Abbiamo fatto conoscenza con parecchie specie che non conoscevamo (nonostante per Teo tutte ruggissero come il leone). Abbiamo incontrato animali provenienti dalla savana, dalla giungla, abbiamo percorso una selva tropicale. Siamo volati dall'Africa (dove c'é più o meno lo stesso clima di Firenze in questi ultimi giorni), alle Seychelles fino ad arrivare in Oceania. Ovviamente la nostra tanto attesa guest star ce la siamo tenuta per la fine, e nel frattempo ci siamo pure fermati a fare una doverosa pausa merenda.

Un gelato in una cassa del tesoro come un vero pirata

Vi prego quest'anno fatemi un sacco di gavettoni che a 28 settimane io già questo caldo non lo sopporto più

E poi da lontano il suo ruggito ci ha accompagnato fino al momento dell'incontro, onorato dal fantomatico "Woooooow!" sentito in precedenza solo a Disneyland Paris, in presenza di venditori di palloncini, quando si passa davanti al Disney Store di Via de' Calzaiuoli oppure alla vista di una focaccia. E' stato un ritrovamento storico. Finalmente Teo l'ha visto dal vivo, e la sua reazione é stata cosi'

Si sono guardati e hanno finalmente potuto ruggire insieme. Questa volta non era di pietra, e neppure in plastica. Era un leone vero ( e bellissimo peraltro). La visita al parco aveva raggiunto il suo scopo.

Babbo J tenta di spiegare come mai questo non é in televisione, é cosi' grosso e non gli si deve schiacciare un bottone sulla schiena pe fargli aprire e chiudere la bocca

E come ogni avvenimento storico che si rispetti, le foto di famiglia sono di dovere (seppur stanchi, sporchi ed accaldati)

Quando gli abbiamo detto che non potevamo portare il leone a casa con noi si é arrabbiato molto

Poi abbiamo saltato davanti ai fenicotteri, e cosi' il nostro saluto al leone é stato meno traumatico. Il nostro pomeriggio al parco é stato un vero successone, e ci siamo ripromessi che lo rifaremo presto. La prossima volta pero' il leone abbiamo deciso che lo portiamo a casa con noi. E se non entrerà nell'ascensore, farà le scale. Teo si é offerto di farlo dormire nel suo letto. E la mattina, mentre berranno il latte con i biscotti guardando Disney Channel, ruggiranno insieme. ROOOOOOAAAAAAARRRR!