La domenica mattina degli abitudinari nostalgici

DSC096302.jpg

Io amo la domenica mattina. Anzi penso di poter affermare con decisione che é la parte della settimana che preferisco. Adoro uscire di casa quando la città ha un viso ancora assonnato e pian piano comincia a svegliarsi. Le passeggiate con Julien la domenica mattina sono sempre state le nostre preferite. Addirittura la nostra prima uscita insieme é stata la domenica mattina. Forse perché non siamo dei gran dormiglioni, o forse semplicemente perché entrambi amiamo quella bella e fresca atmosfera che solo una domenica mattina puo' dare. E' il giorno di festa, si vede nello sguardo della gente. E Firenze la domenica mattina ha una luce tutta sua.

Stava volgendo al termine il mese di ottobre dell'anno 2009 quando per la prima volta, una domenica mattina appunto, io e Julien ci ritrovammo in Piazza dei Ciompi. Ci conoscevamo solo da un paio di giorni, ed i nostri occhi brillavano ancora di quella voglia fremente di entrare nei pensieri dell'altro ma senza farsi vedere. Insomma, quell'imbarazzo da primo appuntamento. Era l'ultima domenica del mese, ed in piazza c'era Il Mercatino delle Pulci. Mi ricordo che comprai dei vecchi giornali di moda inglesi e li usai per tappezzare una parete della mia camera, che all'epoca condividevo con una ragazza americana.

Non so se é per il piacere di tornare a quel nostro primo giorno, o forse semplicemente perché siamo degli abitudinari, ma Il Mercatino di Piazza dei Ciompi dell'ultima domenica del mese é diventato per noi una vera tradizione. In tutto il tempo in cui abbiamo abitato a Firenze non ne abbiamo perso uno.

E' bello vedere quanto nulla é cambiato rispetto a sei anni fa. C'é ancora la signora che vende le borse all'entrata del mercato da Via dell'Agnolo dove una volta trovai una splendida borsa rossa che non comprai, ma da quella volta mi fermo sempre a guardare il suo bancone, sperando sempre di ritrovarla. C'é la bancarella dei vecchi giocattoli, impossibile non fermarsi. Un viaggio nel passato, più volte ci ritrovai le collezioni di personaggini che si potevano trovare nel Kinder Sorpresa quando ero piccolina io. Sorriso assicurato. C'é la bancarella degli occhiali vintage, dove Julien compro' una montatura Rayban che gli piaceva talmente tanto da cercare di convincermi che ne aveva bisogno per studiare e si fece creare delle lenti apposta. Julien ha dieci decimi in entrambi gli occhi. Ancora oggi lo prendo in giro. Poi c'é la mia bancarella. Ah in quella mi fermo sempre. Da quella viene più o meno il 90% della mia collezione di gilet. E la mia maglietta preferita, quella in pizzo. E la mia giacca da marinaio blu a cui cambiai i bottoni durante il periodo in cui cambiavo bottoni ad ogni cosa solo perché avevo trovato una bancarella che vendeva dei bottoni fighissimi. Insomma, in quella trovo sempre qualcosa. E poi c'é la bancarella in cui trovai una vecchia giacca di jeans gialla da uomo che mi piaceva talmente tanto che convinsi Julien a comprarla. Ovviamente la metto sempre io. C'é la bancarella dei vecchi vinili, c'é quella in cui un giorno trovammo uno specchio con Rocky Balboa, da quel momento appeso in ogni casa in cui abbiamo vissuto. E poi ovviamente c'é sempre lei, la bancarella dei bottoni fighissimi.

E' buffo rendersi conto di come tutto sia rimasto uguale. Immutato nel tempo. Come in un vecchio quadro.

Tutto tranne una cosa.

Ora al Mercatino di Piazza dei Ciompi dell'ultima domenica del mese insieme a noi ci viene anche Teo

Fermata alla bancarella degli occhiali vintage

Adoriamo scovare vecchi vinili. Anche se é solo per appenderli in casa, gli si ridà vita.

Quanto sono affascinanti le vecchie macchine fotografiche. Non c'é invezione più poetica della macchina fotografica. Un unico attimo a cui si ha accesso per sempre. Quanto era bello quando le foto ancora le si stampava, e si doveva aspettare di vederle su carta per scoprire il risultato?

E poi alcune foto d'archivio...

Primavera 2010 - Alla mia bancarella preferita

Ottobre 2010 - Sempre alla mia bancarella preferita, il che dimostra che é proprio la mia preferita

Foto storica sotto i portici del mercato

E poi non poteva mancare la foto di un Julien fiero con i suoi occhiali che posa davanti allo specchio con Rocky Balboa. Era sempre il 2010, eravamo nella nostra prima casa insieme, quella vera, in cui c'eravamo proprio solo noi due, e lui si tagliava ancora la barba ed aveva ancora il suo orecchino da Corto Maltese. Ma questa é un'altra storia...

Our Dolce Vita adresses :

  • Mercato antiquario di Piazza dei Ciompi - terribilmente non esiste più!!! - il mercato giornaliero si é trasferito in Largo Pietro Annigoni, quello mensile é sempre l'ultima domenica del mese ma si é spostato in Piazza Ghiberti dalle 9 alle 18
life, 1-30Like Miljian2 Comments